CROSSOVER: UN’ESPLOSIONE DI ENERGIA!

Dal vigore poderoso e dalla dinamica esplosiva, Manolo Perazzi, giovane emergente sulla scena italiana, sfodera in CROSSOVER una danza gloriosa, pulita ed energica che ammalia e conquista lo spettatore per autenticità e ricercatezza. Questo suo primo esordio coreografico, presentato in prima nazionale al Festival Oriente Occidente di Rovereto e realizzato in collaborazione della danzatrice Valeria Russo e con il sostegno del Gruppo E-Motion, è stato ospite di CORPOGRAFIE 2017. Ad animare la ricerca coreografica è la filosofia del divenire di Eraclito tra ripetizione e mutamento che spinge l'immaginazione ad esplorare sensazioni corporee oltre il dato reale. Il risultato convince ed emoziona grazie anche alla musica dal vivo di Flavia Massimo che s'inserisce nella drammaturgia con intensità espressiva. I due danzatori alternano duetti e soli di spericolate combinazioni, specie in quelli di M.Perazzi, risolti con audaci virtuosismi che a tratti possono fuorviare, ma che ammaliano al contempo. La scena si carica di tensione mentre tra i corpi una forza siderale trascina e svuota lo spettatore.

Di seguito le personali suggestioni di Giulia Leone e Camilla Paris per Dansomanie.

Non si può discendere due volte nel medesimo fiume e non si può toccare due volte una sostanza mortale nel

medesimo stato, ma a causa dell'impetuosità e della velocità del mutamento si disperde e si raccoglie, viene e va.

Eraclito

Un bel lavoro, a tratti divertito, sul mutamento determinato da piccole, a volte impercettibili variazioni che portano la ripetizione a trasformarsi in un flusso, in cui i protagonisti ridefiniscono se stessi e la loro relazione fino a trovare la propria identità nel mutamento stesso.

Giulia Leone

CROSSOVER

Camilla Paris

21 / 09 / 2017

Ultimi aggiornamenti