Il movimento delle onde, contiene il ritmo del mare.

Il ritmo del mare con il suo ondeggiare è un tema sufficiente per sostenere un intero spettacolo con musica, danza e video mapping. Bit Generation è il titolo di una coinvolgente pièce sostenuta dal Festival CORPOGRAFIE e realizzato - in soli pochi giorni - da artisti Abruzzesi con la preziosa collaborazione del piemontese Tommaso Rinaldi, raffinato video maker. Attratto dal mare, dal suo ritmo, dai suoi colori l'artista piemontese, geograficamente distante dalla costa e profondamente attratto dal mare, ha così voluto centrare il tema di Bit Generation. Anouscka Brodacz ha guidato i giovani danzatori abruzzesi nella ricerca di danze e movimenti che richiamassero il mondo, gli oggetti, le atmosfere ed i ricordi che ognuno di noi ha legati al mare. Globster impegnato nella partitura sonora ci ha restituito suoni e rumori di un mondo marino, dal ritmo elementare delle onde a quello più suggestivo di un tramonto. Basta un singolo ''bit'' a dischiudere la mente in un'atmosfera densa dove, memorie, suoni, odori e colori ci restituiscono il senso materico e corporeo del mare.

Sara Bianchini, Asia di Pietrantonio e Maristella Mezzapesa, hanno così rielaborato l'essenza di questo suggestivo spettacolo per DANSOMANIE.

Ora non è tempo per pensare a ciò che non hai. Pensa a quello che puoi fare con quello che c'è - Ernest Hemingway

Soltanto la musica è all'altezza del mare.

Albert Camus

L'ANIMA DELL'UOMO E' SIMILE ALL'ACQUA

Dal mito alla poesia, dalla filosofia alla scienza, dalla natura all'uomo emerge, in una danza, l'eco dell'acqua che parla dell'umanità; fonte di ispirazione estatica e potenza simbolica. Un'acqua (o prima materia) che da sempre racconta l'evoluzione della vita sul nostro pianeta, che accoppiandosi a qualcos'altro da la possibilità di trasformazione e miglioramento. C'è un sentimento misterioso che lega l'uomo all'acqua, permettendogli di contemplare se stesso e la propria anima nelle sue infinite rifrazioni, d'altronde: non è forse lo spirito umano amaro quanto quello del mare? Non è forse la vita dell'uomo movimentata come il mare in tempesta? Non è, infine, l'ultimo viaggio di Ulisse nell'oceano minaccioso la metafora più alta sulla ricerca della conoscenza come unica meta dell'uomo? In entrambi, nelle loro varie forme, risiede una sorta di affinità-rivalità, ambivalenza e conflittualità. Entrambi custodi di ricchezze profonde capaci di trasmettere sensazioni misteriosamente familiari. In un'atmosfera magica il mare tranquillo fa da fondale e il suo bit, suono, eco scandisce il ritmo;in questi istanti in cui il tempo rallenta i danzatori catturano sulla loro pelle, esattamente come la luce bianca contiene la somma di tuti i colori dell'iride, l'immensità della tavola blu. Il mare domanda qualcosa nascosto nella cifra di un'onda ed i danzatori, maremoti pacifici, rispondono abbracciando una danza che definirei ''fluidamente fluttuante''. Enigmatica, psichedelica, morbida e fiabesca. In una sorta di profondo marino i loro gesti si susseguono quasi impalpabili seppur si abbia l'impressione di una materialità di qualche tipo, caratterizzati dall'asenza di periodicità e dall'ampiezza costante su tutto lo spettro di frequenza. E' la danza dei bit, del bit del mare che sembra evocare una condizione primordiale che apre una finestra che si affaccia direttamente sulle nostre emozioni profonde permettendo al corpo di amplificarsi e trarre beneficio dalle sue vibrazioni. L'eco del mare assume la fisionomia di una grande barca con i suoi rematori/danzatori che si accinge a solcare il mare per navigarlo/danzarlo, le sue onde, la sua flessuosità, la sua forza con un corpo ora più pesante ma insieme più leggero, protetto ma anche più libero. L'imperfetto mormora sottovoce dietro a quel presente e si mescolano i danzatori, si mescola il loro fluire da dentro a fuori-da fuori a dentro permettendo di solcare nuovi percorsi in cui, come direbbero gli alchimisti , si crea e compare l'ACQUA ARDENS, la fusione perfetta tra acqua e spirito. Tutto ha il fragore di un unico BIT.

22 / 09 / 2017

Ultimi aggiornamenti