''Il pomo della discordia'': la mitologia greca ai giorni nostri secondo Carlo Buccirosso

di Cristiano Esposito.

Il nuovo spettacolo scritto, diretto e interpretato da Carlo Buccirosso ha debuttato in prima nazionale al Lendi di Grumo Nevano e sbarca ora al teatro Diana di Napoli. ''Il pomo della discordia'', questo il titolo della rappresentazione, è una commedia piena di spunti di riflessione e in cui tutto ruota attorno al tema dell'omosessualità. Il parallelo con la mitologia greca si materializza in una festa di compleanno in una casa borghese ai giorni nostri in cui Achille è il figlio gay del protagonista.
Anche se tutti sapevano tutto in famiglia è questo il momento scelto dal neotrentenne per fare outing, con i suoi amici ''speciali'' presenti. Le argomentazioni e il modo di sviluppare il tema di Buccirosso sono validi e offrono illuminanti spunti di immedesimazione ma, nonostante il tentativo di imprimere sempre un buon ritmo alla messa in scena quest'ultima non scorre sempre come dovrebbe, come nella scena della festa e in alcuni momenti in cui Buccirosso non è sul palco. Di replica in replica tutto ciò sarà certamente limato.
Resta la pregevole leggerezza di Buccirosso nel trattare argomenti complessi e il suo catalizzare l'attenzione del pubblico con tirate irresistibili. Con lui in scena c'è Maria Nazionale che impersona sua moglie e ha l'occasione di deliziare il pubblico con la sua voce attraverso due brani. E poi Monica Assante di Tatisso, Giordano Bassetti, Claudiafederica Petrella, Elvira Zingone, Matteo Tugnoli, Mauro de Palma, Peppe Miale, Fiorella Zullo e Gino Monteleone. Le notevoli scenografie sono di Gilda Cerullo e Renato Lori, le musiche di Sal Da Vinci. Lo spettacolo resta in scena al Diana fino al 9 aprile, per poi girare l'Italia anche nella prossima stagione.

28 / 03 / 2017

Ultimi aggiornamenti